L’Oleoteca di Liguria in vetrina a Trieste dal 3 al 6 marzo per la rassegna “Olio Capitale”

455
EPSON DSC picture

L’Oleoteca Ligure protagonista dal 3 al 6 marzo a Trieste nell’ambito di “Olio Capitale” vetrina di eccellenza per la promozione e la valorizzazione degli oli extravergini di qualità. Per l’Associazione regionale guidata dal presidente Enrico Lupi si tratta di un esordio importante e prestigioso. L’Oleoteca, l’unica organizzazione pubblica in Italia, raggruppa produttori, assaggiatori, soggetti pubblici e privati, Camera di Commercio e ha come obiettivi la diffusione e valorizzazione dell’olio e dei prodotti tipici della Liguria in Italia e all’estero. La presenza a Trieste per “Olio Capitale” rappresenta un’opportunità straordinaria per far conoscere le aziende del territorio ligure e far crescere il progetto di valorizzazione dell’Olio di Liguria per la diffusione dell’agroalimentare di qualità e la promozione delle tipicità locali.
<Presso lo stand di “Olio Capitale” – sottolinea Enrico Lupi – metteremo in vetrina non soltanto la produzione di qualità delle nostre imprese ma svolgeremo un’attività di promotion e animazione con corsi di assaggio, degustazioni e altre interessanti iniziative. Fondamentali saranno poi gli incontri con giornalisti, buyers internazionali, operatori professionisti e ristoratori internazionali sempre più attenti alle specificità dell’olio extravergine>.
L’ONAOO (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio d’Oliva), prima scuola al mondo per la formazione e la ricerca scientifica su tutte le varietà del prodotto, sarà presente nello stand dell’Oleoteca Ligure con i propri esperti sabato 3 e domenica 4 marzo alle ore 16 e lunedì 5 marzo alle ore 10 e alle 16.
<Di grande interesse – aggiunge il presidente dell’Oleoteca Ligure il tradizionale convegno di apertura della rassegna “Olio Capitale” quest’anno decicato alla trasparenza e alla tracciabilità scientifica della filiera dell’olio. Un tema estremamente attuale e delicato che apre prospettive e riflessioni nuove all’intero comparto olivicolo>.
Della governance dell’Oleoteca fanno parte il vicepresidente Gianfranco Croese (Cia), Paolo Anselmi (Alo), Federico Fresia (Aifo) Germano Gadina (Cciaa Genova)) e Agostino Sommariva (Cciaa Savona). La mission punta ad allargare la conoscenza delle eccellenze dell’ olio di oliva regionale con particolare attenzione agli oli Dop a denominazione di origine protetta, agli extravergini ottenuti con metodi di agricoltura biologica e integrata, ai prodotti derivati dalla lavorazione delle olive.
<L’Oleoteca Ligure – conclude Enrico Lupi – deve diventare motore di crescita e sviluppo economico per l’intero comparto olivicolo. In pratica un soggetto privilegiato attorno al quale concentrare risorse, attività e mezzi per condividere e attuare una più efficace azione di valorizzazione e di promozione degli oli liguri e dei prodotti derivati, come ad esempio le olive in salamoia, i patè d’oliva con l’obiettivo di realizzare uno strumento operativo a sostegno del marketing territoriale dei “prodotti” di eccellenza tipici e di qualità, legati alla Liguria.
Sono soci dell’Oleoteca: Onaoo (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio d’Oliva); Associazione Nazionale Città dell’Olio; Confcommercio Imperia; Cia Imperia; Camere di Commercio Riviere di Liguria e Genova; Alo (Associazione Ligure Olivicoltori); Confagricoltura Imperia; Aifo (Associazione Italiana Frantoi Oleari della Liguria); Confartigianato Liguria; Confindustria Imperia; Confesercenti della Liguria; Consorzio Tutela Olio Extravergine di oliva Dop Riviera Ligure; Unioncamere Liguria.