Pesto non è sempre sinonimo di basilico: il “pestun de fave”

301

Il pesto genovese a base di basilico è un condimento noto in tutto il mondo, molto meno conosciuto è invece un pesto altrettanto tipico della Liguria, quello fatto con le fave. Si tratta di una salsa gustosa, nota in dialetto come pestun de fave o marò, tradizionalmente prodotta dai contadini per rendere più saporito e appetibile il pane secco.

Questo particolare pesto è tipico della stagione primaverile, in quanto il suo ingrediente principale sono le fave fresche, abbondanti proprio con l’arrivo della stagione calda. Il sapore della salsa è fresco e delicato, ideale per condire la pasta, guarnire tartine, o accompagnare piatti di carne arrosto o grigliata.

Ingredienti

Fave frsche 150 g

Pecorino 75 g

4 spicchio d’aglio

4 belle foglie di menta

Olio extravergine di oliva taggiasca

Preparazione

Iniziamo sgusciando e pulendo le fave dalla pellicina che le ricopre, poi frulliamo insieme tutti i componenti del nostro pestun de fave. Naturalmente la tradizione vorrebbe si usasse mortaio e pestello, ma un frullatore risulta oggi molto più pratico e veloce, senza sacrificare la bontà del risultato; si consiglia solo di avere l’accortezza di tenere le lame dell’elettrodomestico in freezer per qualche ora prima di frullare, per evitare di far alzare troppo la temperatura del composto durante la lavorazione degli ingredienti. E’ altrettanto consigliabile di frullare a più riprese, evitando di tenere in funzione le lame per più di qualche secondo di fila.